MILANO PARQUET: EVENTO PORTE APERTE, VENERDÌ 5 APRILE 2019

5 Aprile 2019

MILANO PARQUET: EVENTO PORTE APERTE, VENERDÌ 5 APRILE 2019 Ecco la gallery fotografica dell’Evento, presso via Alessandro Volta 3, 20090 Buccinasco (Milano)   Questo il programma della giornata

Read more

MILANO PARQUET: EVENTO PORTE APERTE, VENERDÌ 5 APRILE 2019

24 Marzo 2019

MILANO PARQUET: EVENTO PORTE APERTE, VENERDÌ 5 APRILE 2019                          

Read more

AIPPL ACADEMY 2019 – 1° GIORNATA FORMATIVA

24 Marzo 2019

AIPPL ACADEMY 2019 – 1° GIORNATA FORMATIVA RIMINI – 22 MARZO POSARE NON È PIÚ SUFFICIENTE Come una buona gestione amministrativa e una semplice comunicazione possono aiutare la vostra attività   Nella cornice del Litoraneo Suite Hotel di Rimini si è svolta la prima giornata formativa di AIPPL ACADEMY. Oltre 50 i partecipanti: tra soci “storici” e nuovi associati che, per la prima volta, hanno condiviso questo importante momento di “vita associativa”. I lavori sono stati aperti dal Presidente, Dalvano Salvador che, dopo aver accolto i colleghi e ricordato il programma della giornata, ha dato avvio al corso, ricordando l’importanza della formazione e della condivisione di informazioni, esperienze e conoscenze. La parola è poi passata al Consigliere AIPPL Stiven Tamai che ha presentato il nuovo progetto editoriale dell’Associazione: Parquet e Posa, magazine di riferimento per l’informazione tecnico professionale del mondo della posa e delle pavimentazioni di legno. Uno strumento informativo di approfondimento su tematiche tecniche e di posa, su innovazioni e applicazioni di prodotto e di progetto. Stampata in oltre 1.000 copie, inviate a posatori, punti vendita con posa e aziende di produzione, Parquet e Posa ha anche una versione digitale, con una copertura di circa 8.000 contatti del mondo retail. Un progetto, frutto del lavoro e dell’impegno di AIPPL – e dunque del Consiglio Direttivo, dei soci, della segreteria, dei collaboratori, e dei professionisti che, da anni, sostengono l’Associazione – ma anche del supporto delle aziende partner, a cui AIPPL conta di restituire contatti e nuove opportunità commerciali. La giornata è proseguita con l’intervento di Paola Pauletti, esperta in contabilità industriale e fiscale. Tanti i temi trattati: distinzione e gestione dei costi fissi e costi variabili, quantificazione dei costi al metro quadro, ottimizzazione dei costi di gestione, calcolo del proprio punto di equilibrio. A concludere la sessione formativa Carlo Visenti, esperto marketing e comunicazione aziendale. L’intervento ha toccato diversi aspetti della comunicazione aziendale, incentrandosi sulle modalità con cui gli elementi più conosciuti della comunicazione aziendale (biglietti da visita, punto vendita, sito, social, ecc.) possano determinare un maggior interesse per la propria azienda da parte del mercato. Gli interventi dei relatori sono stati completati dalle presentazioni di due aziende sponsor, INTERWOOD e OLDFLOOR ITALY, che hanno illustrato ai partecipanti le peculiarità delle loro produzioni e le più recenti novità. La giornata è stata animata da tante domande e richieste di approfondimenti, dalla condivisione di esperienze personali e dall’analisi di problematiche ricorrenti con l’individuazione di soluzioni e proposte operative. Le presentazioni sono disponibili per i soci nella parte privata del sito.   I saluti del Presidente AIPPL, Dalvano Salvador, e l’apertura dei lavori Le aziende sponsor Il Consigliere AIPPL, Stiven Tamai, presenta il magazine dell’Associazione, Parquet e Posa L’intervento di Paola Pauletti, esperta in contabilità industriale e fiscale Le presentazioni delle aziende sponsor INTERWOOD e OLDFLOOR ITALY L’intervento di Carlo Visenti, esperto marketing e comunicazione aziendale    

Read more

LA NUOVA UNI 11371:2017 SUI MASSETTI PER PARQUET E PAVIMENTAZIONI DI LEGNO

5 Febbraio 2019

LA NUOVA UNI 11371:2017 SUI MASSETTI PER PARQUET E PAVIMENTAZIONI DI LEGNO Aggiornata la norma UNI 11371:2010. A sostituirla la nuova UNI 11371:2017 Massetti per parquet e pavimentazioni di legno – Proprietà e caratteristiche prestazionali. La norma definisce, appunto, le proprietà e le caratteristiche prestazionali dei massetti: cementizi o a base di leganti speciali, e a base di solfato di calcio, destinati alla posa mediante incollaggio di parquet e pavimentazioni di legno per interni. UNI 11371:2017 si applica ai massetti di nuova costruzione e ai ripristini di massetti esistenti, escludendo i sottofondi strutturali, bituminosi e a secco. I massetti, lo ricordiamo, si distinguono in base al tipo di legante utilizzato per il loro confezionamento e alle modalità di realizzazione. La norma UNI 11371:2017 considera i massetti a base cementizia o a base di leganti speciali e i massetti a base di solfato di calcio (anidrite), di classe CT e CA secondo la UNI EN 13813. In questo articolo ci soffermeremo sulle modalità di realizzazione delle due tipologie di massetti contemplati dalla norma, rimandando, per ulteriori approfondimenti, al testo integrale UNI 11371:2017. MASSETTI CEMENTIZI O A BASE DI LEGANTI SPECIALI Modalità di realizzazione In funzione delle modalità di realizzazione, e secondo UNI EN 13318, i massetti cementizi e a base di leganti speciali possono essere suddivisi in: 1. Massetti non aderenti (desolidarizzati) Realizzati interponendo tra il massetto stesso e il supporto uno strato separatore orizzontale e posizionando lungo il perimetro delle pareti e intorno alle strutture in elevazione uno strato di materiale comprimibile. Tale modalità di realizzazione consente inoltre di svincolare la pavimentazione dalle deformazioni della struttura, quali per esempio assestamenti, contrazioni per ritiro igrometrico, dilatazioni termiche, cedimenti delle fondazioni di modesta entità. Lo strato separatore crea una barriera efficace e durevole che impedisce la risalita di umidità dal sottofondo. Lo strato separatore, per impedire efficacemente la risalita di umidità dagli strati inferiori, deve essere costituito da un freno al vapore a bassa diffusività o da una barriera al vapore con valore relativo dello spessore d’aria equivalente Sd maggiore di 40 m, come indicato nella UNI 11470. Tale valore di Sd deve essere considerato come riferimento per qualsiasi materiale impiegato con la funzione di freno al vapore. In ogni caso, risulta opportuno fare riferimento ai dati tecnici forniti dal fabbricante dello strato separatore. Lo spessore minimo medio nominale del massetto desolidarizzato varia in funzione della destinazione d’uso della pavimentazione: per esempio 40 mm nel caso di destinazione d’uso civile, 60 mm nel caso di destinazione d’uso commerciale. Per lo spessore minimo di massetti realizzati impiegando prodotti premiscelati o con altre soluzioni occorre attenersi alle indicazioni del fabbricante, fermo restando le caratteristiche prestazionali. 2. Massetti galleggianti Sono desolidarizzati, posati su uno strato di isolamento termico e/o acustico che può essere interposto tra questi e uno strato di compensazione e/o alleggerimento e completamente separati da altri elementi dell’edificio quali pareti e strutture in elevazione. In questo caso lo spessore del massetto deve essere dimensionato in relazione alle caratteristiche di comprimibilità degli strati sottostanti e può essere interposta una rete elettrosaldata a metà dello spessore per favorire la distribuzione dei carichi ed evitare fenomeni di […]

Read more